Ora anche Mercurio concorre a darvi vivacità. Marte opposto a Urano e Venere in posizione conflittuale vi rendono tesi. Calmatevi o fatevi calmare da qualcuno che è il vostro opposto.
Venere vi detta impegno, perseveranza e sacrifici coronati anche da ricompense piacevoli. Saturno indica di proseguire l’esplorazione delle proprie potenzialità ancora non espresse.
Sole, Mercurio e Marte vi danno nuovi stimoli per la vostra vita sociale, oltre all’energia e alla capacità oratoria per portare avanti le vostre idee.
Le posizioni di Venere e Marte portano rigidità nella sfera sentimentale: dovete mostrare ogni tanto anche gli attributi.
Saturno e Urano suggeriscono che siete sotto attacco. Ma Sole e Mercurio, favorevoli, rendono contagiosa la vostra forza personale, e Marte vi permette di conquistare nuovi alleati.
Con la fine del transito di Marte nel vostro segno portate a termine qualcosa di importante per voi. Nei sentimenti Venere vi fa sentire il bisogno di costruire qualcosa che duri nel tempo.
Molti pianeti mettono a dura prova la vostra capacità di mantenere l’equilibrio. Comunque Marte entra nel vostro segno, e tirerete fuori la grinta necessaria per mantenere la vostra posizione.
Giove e Lilith vi accolgono a braccia aperte: potete fidarvi e confidarvi con persone che recepiscono i vostri tormenti e perdonano quel po’ di maligno che è in voi.
Sole e Mercurio vi rendono esuberanti. Marte tra pochi giorni porrà fine a un periodo faticoso e vi porterà a imporvi nella vita sociale.
Venere vi è solidale rispetto all’obiettivo che state perseguendo tenacemente. Ma Marte e Urano vi mettono di fronte a rivali sia nascosti che palesi, comunque agguerriti.
Sole, Mercurio e Marte segnalano la possibilità di incontri importanti e stimolanti in campo sentimentale. Resta Saturno a ricordarvi i problemi irrisolti da affrontare.
Mercurio può intasarvi la testa di informazioni e voci superflue e invadenti. Giove vi ricorda, invece, di ascoltare meglio voi stessi.
(Visited 33 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Enrico Ghetti

Nato a Firenze nel marzo 1971, degli anni della formazione ciò che ricorda più volentieri è il Liceo Classico Galileo, dove ha avuto modo di conoscere molti dei suoi amici più cari, più stimolanti e più originali con cui ha coltivato negli anni varie passioni artistiche: la sua soddisfazione più grande ad oggi è stata recitare come attore protagonista in DepressOne, un paradossale spot per un farmaco prodepressivo; gli piace molto anche fare musica (suona la chitarra); verso i trent’anni ha incontrato l’astrologia e ne è rimasto profondamente affascinato. Negli ultimi anni ha scoperto che scrivendo può comunicare molto di più che parlando; comunque, se opportunamente stimolato, parla pure e, talvolta, anche di sua iniziativa.