La ricetta che vi voglio proporre oggi non è mia ma l’ho trovata su un sinaptico libretto al supermercato “Agrumi in festa, il ricettario” pubblicato da Coop.Fi. Gli agrumi sono re e regine di questo periodo; mandarini, arance, limoni fanno bella mostra sui banchi di ogni fruttivendolo, alimentari o supermercati, colorando l’ambiente di sfumature di arancio e giallo, ma soprattutto è il profumo che questi agrumi emanano, profumo inconfondibile, che ci circonda regalandoci freschezza, vivacità e brio.

Pesto di limoni e mandorle

Ingredienti:

Limoni 3 buccia esterna
Mandorle pelate 100g
Sale, pepe e olio extravergine di oliva (EVO) q.b.
Spaghetti 500g – Per questa quantità di pasta ho utilizzato la metà del composto che ho preparato.

Frullate prima le mandorle, che dovranno risultare ben tritate, pelate i limoni, stando attenti a non prendere anche la buccia bianca, il pela patate sarà perfetto per questa operazione. Tritate insieme le bucce di limone e le mandorle, aggiungendo a filo l’olio EVO, quanto basta per creare una crema morbida, aggiustate con un pizzico di sale e il nostro condimento sarà pronto.
Cuocete la pasta, nel frattempo in una padella mettete circa la metà del pesto, stemperandolo con un po’ di acqua di cottura della pasta, versateci la pasta cotta al dente e saltatela.
Ho servito il piatto con una spolverata di Grana Padano, una tritata di pepe nero e un po’ di prezzemolo tritato.
Piatto interessante, con profumi vivaci e freschi, dal retrogusto leggermente amarognolo, ma nel complesso cremoso, gustoso e molto semplice da realizzare.

Come sempre
Buon appetito…
E fatemi sapere!

(Visited 21 time, 7 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.