Questa settimana vi voglio proporre un primo piatto un po’ particolare; nella nostra tradizione, i fagioli sono stati usati prevalentemente per minestre o zuppe.

Ma quest’estate, mentre ero ad Urbino, ho assaggiato un primo piatto di tagliatelle con i fagioli borlotti, piatto della tradizione marchigiana, veramente ottimo e particolare.

Mi è subito venuta in mente una ricetta che ho provato per voi, con un ottimo risultato, e che oggi vi proporrò.

Ingredienti

Penne rigate 500g
Cipolla rossa 1 media
Peperoni 1 giallo
Fagioli borlotti precotti una scatola da 250g
Tonno una scatoletta da 80g
Sale, pepe e olio evo q.b.

Pulite la cipolla, tagliatela a julienne, mettetela in una padella con un filo d’olio e fatela rosolare.

Pulite il peperone e tagliatelo a striscioline, aggiungetelo alla cipolla, dopo che si è imbiondita, e fate cuocere per 10 minuti circa. Aggiungete i fagioli borlotti in scatola, scolati dalla loro acqua, ed il tonno sgocciolato. Fate cuocere amalgamando il tutto per altri 10 minuti.

Nel frattempo mettete l’acqua al fuoco e cuocete la pasta. Scolatela al dente, fatela saltare nella padella con il sugo. Servite, se volete, con una spolverata di grana grattugiato.

Piatto unico, interessante, con una complessità di sapori che si mescolano tra di loro. La dolcezza della cipolla ben si amalgama col gusto pungente del peperone, con la cremosità dei fagioli e con il sapore del mare, regalatoci dal tonno.

Vino: Vernaccia di San Gimignano sapore asciutto e fresco, dal profumo fruttato, fine e penetrante, colore giallo paglierino tendente al dorato.

… e come sempre…
Buon appetito e fatemi sapere!

(Visited 718 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.