L’ho letto su twitter e mi s’è stampato in faccia il sorriso delle grandi notizie: #turismo, arriva la mappa di #Firenze a misura di bambino. Evviva!
Perché: belli gli Uffizi, ma pensare di portarci i miei – di bimbi: piuttosto passo l’intera giornata a rincorrere piccioni in piazza della Signoria. Cosa che tra l’altro ha anche un suo perché!
E invece, vuoi mettere un giro allo Stibbert?! Salire sulla Cupola, passare un’ora alla Bottega dei Ragazzi, noleggiare una bici o un paio di pattini e farsi un giro alle Cascine…. Ma anche mangiarsi un bel gelato sul Ponte Vecchio – caro il mio gelato, lo so! O scoprire cos’è una città, affacciandosi dal Piazzale.
È un po’ come fare un viaggio in Inghilterra e invece di andare a visitare i ruderi del solito castello diroccato – che so, Corf Castel – fermarsi tutta la mattina al giardino che c’è poco sotto, con la miniatura del castello, il crocket, gli elfi e le fate. È Inghilterra anche quella. Solo, a misura di bambino!
È come andare in montagna – fai conto a Sestriere – e invece di farsi tutto il sentiero fino ai 2900, farne mezzo! Mezzo in seggiovia e mezzo a piedi, anzi a corsa – dietro ai grilli. È montagna anche quella. Ma a misura di bambino!
Ecco perché mi piace l’idea di questa guida!
Perché è esattamente così che mi piace pensare la mia Firenze.
Mi piace guardarla con gli occhi dei miei bimbi.
Misurarla con i loro passi.
Riscoprirla piccola. Ancor più di quanto non sia già.
Piccola e preziosa.

(Visited 64 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.

TESTTTTTTTTT

Pazzissimi

TESTTTTTTTTTT

Più su