Gli anni Sessanta sono stati per l’arte un decennio di incredibile fermento e di straordinaria creatività. Ci sono state trasformazioni, sperimentazioni, innovazioni, che hanno segnato profondamente l’arte (e più in generale la società) tanto da risentirne ancora oggi, a cinquant’anni di distanza, gli effetti. In quegli anni anche Firenze, la nostra rinascimentalissima città, respirava aria di avanguardia e offriva alcune interessanti proposte artistiche. In quegli anni qualcuno pensava che vi fosse uno stretto connubio tra le arti, e in particolare tra le arti visive e la musica. Questo qualcuno era il Maestro Pietro Grossi, compositore, programmatore, insegnante, pioniere della musica sperimentale, della computer music e… artista.
La Galleria Il Ponte gli rende omaggio, inaugurando oggi alle 18.30 una mostra a lui dedicata, che evidenzia proprio quell’affinità tra arte e musica nella “riduzione dei mezzi, nella concentrazione di ricerca di valori con un minor numero di mezzi possibile”. Scrive Grossi su Marcatré nel 1963: “Vedo che i quadri usano pochi colori; noi usiamo pochi suoni e cerchiamo di ottenere da essi tutti i valori che possono dare”.
Dalla metà degli anni Ottanta Pietro Grossi indirizza le ricerche estetiche, maturate in campo musicale, nell’ambito dell’arte. Si dedica così a quella che definisce Homeart, arte grafica domestica, “creata da e per se stessi, estemporanea effimera, oltre la sfera del giudizio altrui”, utilizzando software di grafica computerizzata da lui stesso programmati. “Questa è, o potrebbe essere la Homeart: relax mentale e, insieme, momento di impegno per la creazione del proprio ambiente di lavoro/studio/riposo tramite suono, segno, colore…”.
L’esposizione si svolge in concomitanza con quella al Dipartimento SAGAS, Biblioteca Umanistica, Università degli Studi di Firenze: Pietro Grossi. Dal violoncello alla Computer Art e con la Giornata di audizioni della produzione musicale del Maestro.

Omaggio a Pietro Grossi. PiGro: interdisciplinarietà e computer. Dal 6 al 20 dicembre 2013. Inaugurazione: venerdì 6 dicembre, ore 18.30. Galleria Il Ponte, via di Mezzo, 42/b Firenze.
Orario: lun-ven 16-19.30, sabato durante l’esposizione 11-19, altrimenti su appuntamento. Chiuso i festivi. Tel. 055 240617, email: info@galleriailponte.com

(Visited 109 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Beatrice Guarneri

Fiorentina da sempre, amante dell’arte da sempre. Coniuga queste due peculiarità recensendo mostre per TuttaFirenze. Altrimenti potrete incontrarla per le vigne del Chianti in sella al suo fido destriero Sel o sorprenderla mentre coccola la sua tonda miciona Zazie