Inverno, tempo di minestre e cavolo nero!

Sì, il periodo invernale ci porta a preferire minestre, zuppe calde e verdure cotte.
Per noi toscani il cavolo nero è l’ortaggio per eccellenza, in inverno. Le gelate di questo periodo, permettono a questa verdura di diventare più morbida e saporita, per essere cucinata e gustata.

Per questo vi proporrò una vellutata di patate e zucca con cavolo nero.

Ingredienti vellutata:

Zucca 1,5kg
Patate 700g
Cipolla bianca 1 media grandezza

Trito di ramerino salvia e alloro q.b.
Sale, pepe e olio EVO q.b.

Ingredienti cavolo nero:

cavolo nero 750g
aglio 1 spicchio
Sale, pepe e olio EVO q.b.

Preparazione della crema di patate e zucca

Prendete una pentola capiente mettete un filo d’olio evo con la cipolla tagliata fine, fate rosolare per almeno 5 minuti, se necessario aggiungete un po’ d’acqua. Pulite sia la zucca che le patate e tagliate tutto a tocchetti. Mettete il tutto nella pentola con la cipolla, e fate cuocere lentamente, aggiungendo brodo vegetale o acqua se necessario. Quando la zucca e le patate saranno ben cotte e si saranno disfatte aggiustate di sale e pepe. Frullate il tutto, ottenendo così una crema abbastanza densa, e per finire metteteci il trito di ramerino salvia e alloro

Preparazione del cavolo nero stufato.

In una padella mettete l’aglio a rosolare intero o a pezzetti, come preferite.
Nel frattempo prendete il cavolo, lavatelo bene e mettete solo le foglie nella padella, togliendogli le costole, ma non buttatele! Sono molte e non vanno sciupate, anche perché la prossima settimana vi dirò come si possono cucinare.
Fate stufare le foglie di cavolo nero e quando saranno morbide, toglietele dalla padella e con un coltello tagliuzzatele.

Composizione del piatto.

Impiattiamo per prima la crema di patate e zucca ben calda, poi aggiungiamo un cucchiaio di cavolo nero stufato. Otterremo così un piatto dai sapori particolari, la cremosità delle patate si lega molto bene al dolce della zucca, che stemperiamo con l’amarognolo del cavolo nero. Un’ottima pietanza i cui sapori, anche se contrastanti,  si sposano meravigliosamente fra loro.

Come sempre…

Buon appetito e fatemi sapere!

(Visited 464 time, 12 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.