Torno sull’argomento di un precedente post (www.tuttafirenze.it/dal-cielo-alla-terra/) e alla domanda che sottointendeva: qual è, se esiste, il rapporto tra Firenze e la meteorologia? Sicuramente Galileo e gli allievi Castelli e Torricelli, tutti toscani, hanno molto a che fare con gli strumenti per l’osservazione delle variabili meteo; dal termoscopio di Galileo al pluviometro di Castelli, al barometro di Viviani, architetto fiorentino del ‘600. L’Accademia del Cimento, il cui motto era “Provando e Riprovando” che riassume i principi della scienza sperimentale, era attiva a Firenze nel 600 e istallò la prima rete di osservazione meteorologica con alcune stazioni sparse nel centro-nord Italia. Continuando in ordine sparso e senza pretesa di ricostruzione storica dei fatti si ricordano legati a Firenze e alla meteorologia i seguenti: Ferdinando II dei Medici (inventore dell’igrometro a condensazione), l’Accademia dei Georgofili, Giovanni Targioni Tozzetti (ma non c’entrava anche con una poesia di Leopardi??), Leonardo Ximenes, la nascita della Specola, gli artigiani del vetro capaci di costruire strumenti molto precisi (e inventori dei termometri infingardi chiamati così data la loro lentezza nel rilevare la temperatura).

Come spesso succede a Firenze, faccio un salto temporale di qualche centinaio di anni per raccontare qualcosa degno di nota..è sempre antipatico autopromuoversi ma il Laboratorio LaMMA nel suo piccolo rappresenta, se non un eccellenza, almeno la capacità di stare al passo con i tempi. Ci occupiamo di meteorologia e di molte altre cose dal 1997 quando la Regione ha deciso di investire in un centro che nel corso degli anni ha visto crescere i visitatori del proprio sito di diverse centinaia di migliaia all’anno; nel 2012 circa 5 milioni di visitatori unici, la pagina del bollettino meteo con circa 60000 visite giornaliere che diventano il doppio in condizioni di tempo perturbato (vedi http://www.lamma.rete.toscana.it/sites/all/files/Statistiche%20sito%20web_dicembre_2012.pdf). Accessi anche dalla Francia dove ci guardano per le previsioni su vento e mare per la Corsica e il Tirreno per chi va in barca. Poi facciamo anche altro ma come spudorata autopromozione direi che basta, il lettore interessato può continuare su: www.lamma.rete.toscana.it

(Visited 63 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua