Lo ricordo a lavoro, alla sua scrivania, alla macchina da scrivere, ma anche nel pollaio, sui campi di grano, in mezzo a viti ed olivi. A tavola, bevendo un bicchiere di vino rosso. E poi: l’odore della legna che brucia nella stufa e il sapore della minestra di fagioli. La pasta fatta in casa, il presepe di ceramica. Il tritacarne a manovella che io giravo quando lei mi diceva: “vai”. Le sue vecchie mani di donna. Le serate passate a giocare a carte. Il profumo del suo dopobarba, la sua piccola radio rossa. La sua gran voglia di vivere, di ridere. Il Tirreno spillato che tutti i giorni era sul grande tavolo della sala da pranzo e il fruscio delle pagine sfogliate. Lei che si toglie gli occhiali e legge ad alta voce per lui. Legge veloce, senza quasi prender fiato. L’odore della sua pomarola, il pane della Milla. Il loro albero di Natale. Un bicchiere di vino bianco. I loro racconti. Li ricordo a raccontarmi storie, le loro storie. La nostra storia. I miei nonni che non ci sono più. E poi penso ai nonni dei mie tre, al grandissimo tesoro che sono e che saranno per loro. Preziosi raccontastorie. Ci penso oggi. Oggi che è la festa dei nonni. La festa degli Angeli Custodi. Oggi che, immagino non sia una coincidenza, a Firenze inizia il Festival delle Generazioni. Millemila eventi, incontri, laboratori, dibattiti. Sarà molto bello, sono sicura. Io ho già scelto il mio “dove”: i gazebi di Piazza della Repubblica. E buona festa dei nonni – fiorentini e non!

nonni
(Visited 86 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.

TESTTTTTTTTT

Al seno in piazza

TESTTTTTTTTTT

Quei visi storti