Luciano “Lomu” Montivero in azione

L’undicesima giornata di campionato di Eccellenza è stata guardata con particolare attenzione perché si andavano a scontrare quattro squadre considerate di pari livello: Le Fiamme Oro affrontavano il Rovigo e i Medicei il temuto San Donà. Una volta sgonfiato il petto per la soddisfazione nel ricevere tale riconoscimento, andiamo ad esaminare meglio la situazione.

La squadra della Polizia di Stato vede interrompersi la sua serie positiva andando a pareggiare per 24-24 il che conferma il pronostico di tutti i vari esperti di rugby che si sono espressi al riguardo. Da sottolineare il fatto che nello sport della palla ovale il pareggio è cosa alquanto rara.

Altra conferma è stata tra i Medicei e San Donà. La squadra fiorentina continua a mostrare segni di miglioramento e finalmente vede rientrare nelle proprie file pezzi importanti dal troppo numeroso gruppo degli infortunati. Nonostante una partita giocata molto bene, con una prima linea a dir poco impeccabile con addirittura il pilone Luciano “Lomu” Montivero usato come portatore di palla e tanta, tanta dedizione la partita finisce a favore degli ospiti con un minimo scarto, 13-17 il punteggio finale.

Cosa non ha funzionato? Decisivi gli ultimi 10 minuti con la seconda meta del San Donà e i gravi infortuni, tanto per cambiare, di Basson e Rodwell,  decisamente il morale ne ha risentito i bianco rosso argento non sono riusciti a colmare la distanza come precedentemente fatto con il meraviglioso drop, appunto, di Basson.

Insomma bravi, ma non abbastanza visto che questa si è dimostrata essere una partita decisamente alla portata. Aspettando di sapere i referti medici dei due infortunati augurandogli una pronta guarigione, soprattutto a Basson uscito dal campo in barella, guardiamo la prossima partita dove affronteranno nuovamente il Lazio 1927 fuori casa. Riusciranno a superare nuovamente la squadra laziale?

Materiale fotografico di Donatella Bernini

(Visited 124 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.