Lunedì 16 maggio
Forse per toglierlo dalla “malefica” influenza della Sciarelli, hanno spostato TVOI al lunedì. L’Isola dei famosi è finita. Ha vinto Giacobbe Fragomeni. Uno share da urlo. Aiuto!!!!! (appunto… urlo). Stasera non c’è neanche Haway Five O. Su Canale 5 Claudia Pandolfi sfida la mafia. Vi sembra eccessivo? Così viene presentata su qualche giornale la nuova fiction Romanzo siciliano. Iperbole pro audience?

Martedì 17 maggio
Serata da talk. Come? No, ogni tanto vanno guardati. Magari togliendo l’audio. Un talk senza audio? Un’innovazione assoluta a cui nessuno aveva pensato. Beh, fanno audience ridicole quando parlano…

Mercoledì 18 maggio
Alle 23, 35 su Rai 5 Roger Waters The Wall live in Berlin, registrato dal vivo nel luglio 1990. All in all it’s just another brick in the wall. Su Rai Uno finalmente l’appuntamento annuale con La partita del cuore. Cantanti contro attori. Anche Amici, come TVOI, anticipa. Non la fine, non abbracciatevi. Va in onda stasera perché sabato c’è la finale di Coppa Italia. E stasera è dura per la Sciarelli, visto che la De Filippi farebbe ascolti anche con le previsioni del tempo. Ah, su Rai Due c’è Haway Five O: allora non l’hanno soppresso.

Giovedì 19 maggio
Abbiamo scoperto la scorsa settimana che su Italia Uno Paola Barale conduce il reality Flight 616, una scopiazzatura di “Pechino Express”. L’audience della prima puntata fa temere una soppressione immediata. Facilmente prevedibile: dopo l’isola, riproporre un altro reality non sembra un’idea proprio geniale. E poi la Barale è fuori dal giro. Nonostante la rivernic… ah, non si può dire! Su Cielo (il chiaro di Sky) c’è Point Break, film di culto con un gruppo di surfisti che rapinano le banche mascherati da presidenti USA. Notevole come The Rock su Rai Tre, se non fosse che va in onda per la centesima volta. Della serie, quando Sean Connery era ancora giovane…

Venerdì 20 maggio
Non ci credevamo, ma la Tatangelo ospite fisso de I migliori anni ha solo ventinove anni. Truccata ne dimostra almeno quaranta. Forse lo fa per adeguarsi ai cimeli che popolano la trasmissione. L’altra settimana, per esempio, c’erano Gianni Togni (E guardo il mondo da un oblò…), ancora riconoscibile, e Viola Valentino, che mille anni fa cantava “comprami io sono in vendita…” (oggi a saldo?). C’era anche Dino (non il sauro), che dopo aver accennato ai nipoti è stato frettolosamente congedato da Carlo Conti (a tutto c’è un limite!). Comunque, la fine di “Ciao Darwin” ha fatto bene all’audience della trasmissione. E Mediaset dà un ulteriore aiutino trasmettendo, su Canale 5, il kolossal Un’estate ai Caraibi con Martina Stella e Alena Seredova. Certo, dopo Bonolis non si poteva rigirare ulteriormente il coltello nella piaga degli ascolti a scapito del servizio pubblico. Non perdete per nessuna ragione The Blacklist su Rai Due: la scorsa settiamana hanno sparato a Reddington!

Sabato 21 maggio
Il calcio salva Rai Uno. I programmatori tirano un sospiro di sollievo: con la finale di coppa Italia evitano di lambiccarsi il cervello su come riempire la prima serata della rete ammiraglia. Però sembra già estate perché l’offerta si sta abbassando paurosamente di livello. Che sia l’ora di cominciare a uscire? Va bene, c’è NCIS su Rai Due, ma è la notte dei musei. Un’occasione da non perdere.

Domenica 22 maggio
Nonostante tutti gli sforzi possibili, anche provando a buttarla in caos, la serata con Fabrizio Corona su Rete 4 ha raccolto solo briciole di ascolti. Il perché è inutile spiegarlo. Bastava guardarla per cinque minuti. Il massimo dell’audience è stato raggiunto quando Cecchi Paone è uscito dal teatro infuriato. Segno che solo la rissa riscuote successo. Anche un film con Godzilla ha fatto meglio. Infatti sarà lui il prossimo ospite di Costanzo.

full_locandina-ita-godzilla54
(Visited 90 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Duccio Magnelli

Lettore un po’ bulimico, non si limita a leggere qualsiasi cosa gli capiti sotto mano ma decide anche di mettersi a scrivere. Diventa così un giornalista pubblicista che scrive di calcio e si impiccia di tutto il resto. Romanzi compresi. Come i tre che (per ora) portano la sua firma.