Nonostante gli sforzi, la buona volontà e, va detto, il costante miglioramento dei giocatori italiani, le vittorie sia nella Champions che nella Challenge Cup tardano a farsi vedere.

Resta, forse come premio di consolazione, la soddisfazione di aver visto le franchigie giocare bene, alla pari si suol dire, contro le avversarie. Soprattutto per quanto riguarda il Benetton che, dopo la pessima sconfitta della settimana scorsa nel Pro14 contro il Leinster, si è vista affrontare gli Scarlets. Nonostante l’inferiorità numerica per un cartellino rosso dato a Francesco Minto per gioco pericoloso e le due mete di Gareth Davis nei primi minuti di gioco,  i Leoni di Treviso riescono a superare nel punteggio i gallesi chiudendo il primo tempo per 21-14.  La battaglia continua anche nel secondo tempo, combattuta ad armi pari, gli italiani riescono a segnare per ben 4 volte mentre gli Scarlets 5. Risultato finale 33-28. Due punti bonus (difensivo e di attacco per le 4 mete segnate) ma partita persa.

Situazione simile per le Zebre Rugby Club che ospitavano gli inglesi del Glouchester. Nonostante il loro gioco aggressivo e continuamente in attacco, anche loro con 4 mete portate a segno contro le 5 del Glouchester, non riescono ad andare oltre i due punti bonus. 26-33 l’immeritato punteggio. 
Le due squadre ancora non riescono a staccarsi dalla coda del loro rispettivo girone, ancora alla ricerca della prima vittoria che, se continuano a proporre un gioco di attacco di tale misura e migliorano la difesa, non tarderà ad arrivare.
Ancora le vittorie sono poche ma la strada intrapresa sembra essere quella giusta. In attesa del prossimo turno di coppa, dove vedremo nuovamente gli stessi avversari, le franchigie italiane si affronteranno, Sabato 23 dicembre, nell’ennesimo derby italiano valido per il Torneo Pro14. Una vittoria delle Zebre le permetterebbe loro una rapida scalata in classifica, riusciranno nell’intento?

 

(Visited 152 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.