arno nebbiaPer uno scherzo della toponomastica a Firenze via del Paradiso è dall’altra parte della città rispetto a via dell’Inferno e via del Purgatorio. L’Inferno e il Purgatorio s’incrociano nel centro storico che più centro storico non ce n’è, mentre il Paradiso è dall’altra parte della città, in periferia. Nel mezzo del cammin ci passa l’Arno. Nel percorso toponomastico verso via del Paradiso forse c’è lo zampino di Dante. Il Paradiso non è un luogo terreno, chiuso tra le piccole vie del centro, ma un luogo celeste sistemato là verso sud, verso il sole, verso il sole oltre le nuvole, verso le vigne e il vino del Chianti. Comunque sia nel mezzo del cammin ci sta l’Arno e in questi giorni l’Arno, ancor più del resto della città, era avvolto nello zucchero filato della nebbia. Che bella la malinconia dolce che genera la nebbia, quella voglia di lasciarsi andare ai ricordi nel futuro, alle speranze del passato, ai baci rubati nella nebbia di questo piccolo presente. E che bello il sole che stava sopra la nebbia. Bastava salire sulle colline intorno a Firenze per poter sentire il sole e vedere la nebbia che copriva tutta la città. Un modo per vedere la tua malinconia dall’alto. Un bel sottosopra. E potevi scegliere. O l’inferno e il puragotorio terreni avvolti nella nebbia o il paradiso, stile Lavazza, oltre la nebbia, verso il sole. Un fenomeno metereologico per ogni tuo stato d’animo. Un entra ed esci da te stesso. Una nebbia oscura che aiuta a ritrovarsi. Una bella confusione. Un bel modo per finire un anno e iniziare uno nuovo. Auguri!
firenze nebbia

(Visited 160 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Giovanni Grossi

Ho cinquantanni e per il mio lavoro ho la fortuna di girare per Firenze in bicicletta e quando scendo dalla bici vado a piedi e quando sono stanco salgo sull’autobus. Il mio primo amore è la scrittura ed il mio primo amore dura tuttora. Sono tra i fondatori dell’associazione Tandem di pace e sono nella giuria del premio letterario fogli di viaggio dedicato alla figura di Tiziano Terzani. Adoro i miei figli e mangiare un panino con l’hamburger la domenica sotto la curva Fiesole. Dimenticavo….il mio primo odio è la juve ed anche questo dura tuttora.

TESTTTTTTTTT

Alzaia