Gli italiani di seconda generazione, cioè quelli nati in Italia da genitori stranieri, hanno il diritto di essere e di sentirsi italiani? Questo il tema attualissimo trattato dal film di Haider Rashid; racconto parzialmente autobiografico, visto che il regista è di padre iracheno e mamma italiana, che mette allo scoperto la gravissima lacuna legislativa attuale, da un lato, connesso all’atteggiamento spesso ostile della società civile. Un film crudo che va dritto al cuore del problema e che mostra allo spettatore le assurde pastoie burocratiche del paese ma anche e soprattutto le emozioni e le passioni che animano questi nuovi ragazzi italiani.

Trailer

Intervista al regista

La serata è stata organizzata per il 12 Febbraio presso il teatro Puccini (ore 19:00)

(Visited 57 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Filippo Papini

Nato a Firenze (qualche tempo fa) dove vive e lavora. Laureato in Lettere, ha pubblicato i testi teatrali Tutti mi vogliono, tutti mi cercano, La danzatrice dal ventaglio nero, È quasi ora, Le perdute parole; un poliziesco Giallo mare; una raccolta di poesie Osè e una serie di articoli per riviste di nautica. Nel 2011 ha contribuito alla nascita dell’associazione culturale Arseniko. www.arseniko.it

TESTTTTTTTTT

In libreria