Chi di voi mi conosce sa che due delle mie tante passioni sono la cioccolata e l’archeologia.
Con il Caffè Gilli per la prima volta sono riuscita a farle incontrare.
Non penso che questo bar abbia bisogno di grandi presentazioni dal momento che lo conoscono in tutto il mondo grazie anche alla famosa foto di Ruth Orkin dove una bella americana viene salutata da un gruppo di calorosi Fiorentini degli anni ’50.
Proprio quest’angolo di Firenze è un classico per darsi appuntamento per un caffè o solo per un giro in centro.
Ma quello che molti di voi non sanno è che Luigi Gilli, il fondatore del caffè, è stato uno dei primi a portare la cioccolata in tazza a Firenze direttamente dalla svizzera.
Come l’ho scoperto?
Beh un po’ per caso un po’ per lavoro infatti, qualche mese fa, ho fatto un giro al Cimitero degli Inglesi in Piazza Donatello e lì ho trovato i Gilli.
Che emozione visitare la tomba di chi da anni allieta le mie mattine fredde d’inverno con caldi cappuccini e fumanti cioccolate.
Ve lo devo confessare mi è sembrato quasi un pellegrinaggio.
Da allora quando entro nello scintillante caffè in piazza della Repubblica con i suoi decori Liberty, il bel pavimento a mosaico e le boiserie di legno scuro non posso che ringraziare quel signore grigionese che ha reso più dolce la nostra Firenze.

Il prezzo: cappuccino+ brioche 2,50€ un po’ caro ma è Gilli!

Il Pezzo Forte: Beppe lo storico barman di Gilli che oltre a fare cappuccini ottimi mi ha anche soccorso in un momento di difficoltà facendomi sentire a casa

p.s. se non ci siete mai stati fate un giro al Cimitero degli Inglesi è un posto veramente emozionante.

Caffè Gilli piazza della Repubblica

(Visited 1.038 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Carlotta Ansaldi

Frutto dell’unione tra San Niccolo’ e la Colonna, nata per il Capodanno fiorentino vivo in Oltrarno… piu’ fiorentina di me forse c’e’ solo la bistecca.
Amo tanto gli animali, i libri, i miei tanti studenti e il mio lavoro di Archeologa per bambini ma la mia vera grande passione sono cappuccino, pasta e cronaca di Firenze rigorosamente al bar!