FitzgerardLa scrittura è sudore… niente di più vero in questa estate di fuoco a 40 gradi. Anche leggere è sudore e fatica e a niente vale la splendida descrizione della Costa Azzurra degli anni ’20 che troviamo nelle prime pagine del romanzo.
Una coppia di giovani americani, Dick psichiatra di buon successo e sua moglie Nicole, sua paziente, passano le giornate con un gruppo di amici nella più assoluto sfarzo patrizio, nei giochi di società, nei bagni di mare, nelle gite in barca. Fra cocktail, cene fastose, shopping d’alta moda, persino un duello e un omicidio “allietano” la straordinario estate di questo gruppo di “immortali”. Occupa molto spazio la travagliata storia d’amore parallela fra Dick e sua moglie ed il successivo innamoramento di lui per Rosemary una giovanissima yankee accompagnata dalla madre. In questo contesto mondano trovano luce, via via che ci si addentra nella psicologia dei personaggi, piccole crepe nella struttura mentale di ognuno per sfociare infine in un tracollo di Dick che in un sol colpo perde sia la moglie che l’amante.
Considerato una dei massimi romanzi del novecento, è un grande affresco di un gruppo di persone che si trovano in situazioni più grandi di loro. Non conta solo l’apparenza o l’agiatezza economica. Occorre fare i conti con le pieghe più grigie dell’esistenza.
Fa caldo, tanto, mentre tento una sorta di critica e non mi vengono altro che termini come: di maniera, pesante, prolisso, di ampio respiro certamente, ma si legge con fatica… forse, più una lettura invernale, e se cambio una consonante si ritorna al fuoco, alla calura: infernale… Non se la prendano i fan dell’autore, rimane il Grande Gatsby a rinfrescare loro la notte, che a detta di Fitzgerald è così… tenera!

Edizione commentata

Francis Scott Fitzgerald, Tenera è la notte, Newton Compton Editore, Roma, 2011

(Visited 111 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Filippo Papini

Nato a Firenze (qualche tempo fa) dove vive e lavora. Laureato in Lettere, ha pubblicato i testi teatrali Tutti mi vogliono, tutti mi cercano, La danzatrice dal ventaglio nero, È quasi ora, Le perdute parole; un poliziesco Giallo mare; una raccolta di poesie Osè e una serie di articoli per riviste di nautica. Nel 2011 ha contribuito alla nascita dell’associazione culturale Arseniko. www.arseniko.it