Carlo Canna

Ultima partita del Pro 14 per le franchigie italiane che concludono la loro prima esperienza nella nuova formula del torneo celtico con il terzo cosiddetto derby d’Italia.
Partita che è andata alle Zebre finalmente vittoriose, quest’anno, sul Treviso che ha vinto i due match precedenti. I Leoni sono stati definiti “sotto tono” e “al di sotto delle loro reali possibilità”. In realtà i bianco verdi hanno dominato la prima metà della partita fermando subito il punteggio con la meta di Alberto Sgarbi e la trasformazione di Tommaso Allan. Le Zebre però non fanno attendere la reazione andando a segnare allo scadere del 40° con l’esordiente Sisi, da lì, per il secondo tempo un vero e proprio rincorrersi nel punteggio e solo il piede di Violi garantisce il punteggio per 17-22 a favore dei bianco neri

Settima vittoria in questo torneo per i bianco neri, terza consecutiva, miglior risultato di sempre, che va ad affiancarsi alle 11 vittorie del Trevisto. Un deciso miglioramento delle squadre italiane, va detto, sottolineato da quasi tutta la stampa internazionale. Il passo successivo adesso è la definizione delle squadre per il prossimo torneo. Quasi tutti i giocatori hanno confermato per i Leoni bianco verdi, esaltati dal nuovo progetto e dai risultati ottenuti anche se ad ultimo non sono riusciti nell’impresa di superare l’Ulster in classifica e raggiungere l’Edinburgh per la tanto cercata qualificazione alle semifinali.. Situazione più traballante invece per le Zebre nelle quali sembra che ci sarà un grosso numero di defezioni. Quale il futuro per la tanto chiacchierata  franchigia federale?

Intanto la prima edizione del Pro 14 volge verso le semifinali e così funzioneranno: Leinster e Glasgow warriors, essendo le prime classificate delle rispettive conference, dovranno scontrarsi contro le vincenti tra le seconde e terze classificate ovvero Munster, Edinburgh, Scarlets e Cheetahs.
Le vincenti giocheranno la finale, a Dublino, il prossimo 26 maggio!

 

(Visited 86 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.