Alan Turing ti odio.
Ci hai rovinato.
Inventare il computer, davvero non avevi di meglio da fare?
Sì sì, sto parlando con te, no, non m’importa se ti sei morsicato una mela di cianuro per morire.
Ti odio lo stesso.
E ti odiano tutti. Si certo, ti hanno dedicato un film che sembra un colossal ma ha lo spessore di una puntata di Peppa Pig. E forse per questo ora ti odiamo di più.
Ti odiano le donne. No, non perché sei gay, perché generalmente alle donne i gay stanno simpatici. No, ti odiano perché la tua invenzione ha riempito il mondo di masse di antifica che non parlano altro che di videogiochi o passano le ore a giocare a Candy Crush invece di fare lavori da uomini con la cintura per gli attrezzi legata in vita.
Ti odiano i gatti che non hanno più una privacy.
Ti odiano i figli tartassati dai genitori che gli chiedono come si scarica una foto, come si cambia sfondo al desktop o come si può controllare il cervello del cane dei vicini con la wireless per non farlo abbaiare la notte perché hanno saputo di qualcuno che l’ha fatto.
Ti odiano i lettori dei giornali che ora sono costretti a vedere le gallery di Miley Cyrus (io per questo un po’ bene ti voglio) o cliccare su articoli con titoli interessanti tipo: come si chiama il pelo pubico di Belen? Quale oggetto del piacere ha comprato Angela Merkel? Chi è più alto tra Renzi e Putin?
Ti odiano i cittadini che per anni agli sportelli comunali hanno trovato impiegati sfiniti da sessioni infinite di Campo Minato e Solitario e che ora trovano dibattiti sulla riproduzione dei Panda vista in diretta su Repubblica.it. Ma il risultato non cambia, nessuno li aiuta.
Grazie a te il mondo per come lo conosciamo sta finendo.
Guardaci. Il sistema democratico occidentale è allo sfascio, politici, dipendenti pubblici, impiegati, manager, forze dell’ordine, vigili, infermieri, tutti impegnati a condividere cose.
E non facciamo più niente. Ma quel niente lo condividiamo lo stesso fingendo che sia qualcosa.
E ci sentiamo tutti esposti al punto che dobbiamo prendere posizione, anche sulla libertà di stampa quando non abbiamo mai letto un giornale, o sull’Islam che fino al giorno prima pensavamo fosse un cereale come il Muesli.
Non hai inventato la penicillina, non hai scisso l’atomo o scoperto il DNA.
No, tu, Alan Turing, hai rovinato una specie.

_TFJ0051.NEF

(Visited 204 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Michele Arena

Interessato a tutto ciò che è Indie, ma soprattutto alla musica e al cinema, lavora come Operatore sociale a Campi Bisenzio. Il suo sogno è tenere una lezione al DAMS su Notthing Hill.

TESTTTTTTTTTT

Il mondo sta bene