A volte penso che dovremmo andare allo stadio tutti vestiti come gli Emo: jeans stretti, estremamente stretti, e capelli piastrati. Un bel ciuffo ribelle a coprirci la fronte, carnagione cadaverica e del copioso mascara a risaltare i nostri occhi.

Il fatto è che a trent’anni potrei sentirmi un po’ a disagio mentre indosso i miei jeans estremamente stretti, talmente stretti da mettere in risalto la mia pancetta alcolica e strizzare il cotone che esce dall’ombelico. Starei attento a sistemarmi il mio bel ciuffetto piastrato, con un cappuccio in testa ad evitare che l’umidità possa stravolgere la mia acconciatura glam-rock. Qualche coro, battendo le mani in modo non troppo irruento né virile, mostrando il più possibile il mio nuovo smalto per le unghie: tassativamente nero.

Forse non saremmo un bello spettacolo, forse sì, di sicuro saremmo in sintonia con la filosofia emo: che la vita è sofferenza. Così, ogni benedetta domenica, allo stadio, eviterei di aggrovigliarmi il fegato, sapendo già di dover patire. E contro la squadra peggiore del campionato, contro un avversario umiliato per 75 minuti, potrei evitare la combinazione gastrite-possibile infarto nell’ultimo quarto d’ora.

Johnny Piastra, il capoultrà della Nocerina che adatta i cori sulle canzoni dei Tokio Hotel

(Visited 255 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Paolo Serena

Paolo Serena, sociologo e giornalista, toscano doc e fiorentino mezzosangue, è un gran tifoso viola e un fan senza tempo di Riccardo Zampagna.
Ama gli spaghetti alle vongole, il caffellatte con le Gocciole e il sud-est asiatico; odia la Juve.
Diventa fan di Ultras da Tastiera

TESTTTTTTTTT

Che numeri!

TESTTTTTTTTTT

Facce da calcio