Dopo un mese e mezzo di “sequestro preventivo”, i sette locali di via de Benci riaprono le porte ai fiorentini e alle migliaia di turisti della nostra città. Da metà dicembre 2013, fino a pochi giorni fa, il Mojo, l’Ohibò, il kikuja, il Mirò, il Lochness, il Gallery e il Soul kitchen hanno tenuto chiuso il bandone dalle ore 22.00 alle 7.00 del mattino. Le motivazioni sono sempre le stesse: troppi decibel per strada e la confusione di chi prende da bere in plastica e consuma fuori. I locali hanno fatto ricorso e ottenuto il dissequestro. Nei giorni passati la desolazione dei bandoni chiusi alle dieci di sera dipingeva una Firenze povera di magia. La nostra città non è solo il Duomo, il Ponte Vecchio, gli Uffizi con le sue magnifiche opere d’arte, ma anche la vita notturna. La movida che fa lavorare centinaia di persone, camerieri, cuochi, baristi, musicisti, dj che animano lo scorrere della notte. Auguriamoci che nel futuro tutto ciò sia possibile nel rispetto pieno delle regole.

Questo appena passato è stato il primo vero weekend di ritorno alla vita di via de Benci. Tra i vari locali che hanno riaperto le porte al pubblico, segnaliamo il Soul kitchen. Domenica 9 Febbraio proprio nello storico locale, riparte l’aperitivo Live music Karaoke condotto da una nostra firma, Maurizio Arbuscelli. Intrattenimento canoro dove ascoltare musica dal vivo e, se si vuole, dare sfogo al proprio animo canterino.

.

(Visited 501 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua