Il motore canta a squarciagola, procedete a passo rapido e siete in fase socievole. Problemi possono nascere, nel realizzare i vostri progetti, da rapporti con persone in posizione superiore o inferiore alla vostra.
Cautamente vi sollevate dalla vostra poltrona e vi muovete; si affermano, prepotenti, le vostre esigenze fisiche. AstroloGhetti vi consiglia di snodarvi.
Oggi il Sole entra in Gemelli, aggiungendo altra luce alla vostra già brillante vivacità; siete decisamente alla ribalta. L’unico rischio è la sbornia, l’eccesso di confusione.
Dovete tirare fuori un carattere più adatto a tempi di guerra con posizioni più nette. Cerere, nei gradi centrali del vostro segno, vi suggerisce anche di riposare.
Dovete domandarvi se e in che misura fidarvi della vostra gente: qualcuno trama nell’ombra. Non mancano, d’altra parte, persone che possano giovare alla vostra causa.
La vostra agenda è ormai piena zeppa; state portando avanti la vostra iniziativa tenace, volta a mettere in ordine ogni aspetto materiale della vostra vita.
I problemi non mancano, ma questa settimana Sole, Mercurio e Venere vi solleticano con novità elettrizzanti e incontri stimolanti; è possibile il flirt primaverile.
Anche voi come il Toro (e assai facilmente con il Toro) siete in una fase di annodamento; può essere che dobbiate liberarvi di un legame troppo stretto.
Molti pianeti sono nell’opposto Gemelli: avrete molto da discutere e molto da precisare, poichè i vostri interlocutori avranno molto da eccepire.
Lavoratori instancabili, siete nel pieno della sfida lanciata a voi stessi. Anche voi dovete ascoltare il vostro corpo quando chiede riposo.
Invischiati in situazioni troppo coinvolgenti e limitanti per la vostra visione del mondo, potete però immettere aria nuova nei polmoni e fare nuove conoscenze.
Grandi tensioni e poche soddisfazioni; in lotta contro i tempi quotidiani che il più delle volte vi battono in velocità. Ma lassù (e sotto sotto anche quaggiù) pare che qualcuno vi ami.
(Visited 79 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Enrico Ghetti

Nato a Firenze nel marzo 1971, degli anni della formazione ciò che ricorda più volentieri è il Liceo Classico Galileo, dove ha avuto modo di conoscere molti dei suoi amici più cari, più stimolanti e più originali con cui ha coltivato negli anni varie passioni artistiche: la sua soddisfazione più grande ad oggi è stata recitare come attore protagonista in DepressOne, un paradossale spot per un farmaco prodepressivo; gli piace molto anche fare musica (suona la chitarra); verso i trent’anni ha incontrato l’astrologia e ne è rimasto profondamente affascinato. Negli ultimi anni ha scoperto che scrivendo può comunicare molto di più che parlando; comunque, se opportunamente stimolato, parla pure e, talvolta, anche di sua iniziativa.