Monty Ioane in azione

La terza giornata del torneo Pro14 ha visto entrambe le franchigie in trasferta e per la precisione il Treviso è stato ospitato dagli Ospreys e le Zebre dai Newport Dragons.
Partite che, sulla carta, sembravano alla portata di entrambe le formazioni visto il recente miglioramento del gioco delle franchigie italiane e delle statistiche degli ultimi tornei. Invece le Zebre cozzano per la sesta volta di seguito contro i Dragons nel loro campo di casa, il Rodney Parade. L’Unico scontro di quest’anno tra le due squadre, visto che sono in due diverse conference, vede i gallesi sfruttare in continuazione l’indisciplina italiana per portarsi avanti nel punteggio nonostante la bella meta di Bellini su calcetto di Canna a metà del primo tempo.
Per il resto il gioco è stato comandato dai Newport Dragons che portano facilmente il risultato (16-5) a casa aiutati anche da un tempo piovoso che rendeva difficile la vita agli italiani.
Le Zebre adesso si vedono accorciare la classifica vista la vittoria dei Cardiff Blues e l’incredibile pareggio con punto bonus dei Cheethas contro l’Ulster. La prossima partita, in casa, li vedrà contro gli Ospreys e sarà uno scontro fondamentale.

Ospreys che sono riusciti a bloccare l’avanzata del sempre più galvanizzato Treviso in uno scontro ad armi pari nonostante il gioco nervoso, tanti i falli e i cartellini gialli, e il continuo inseguirsi nel punteggio. Ne escono vincitori gli Ospreys nonostante una marcatura annullata dal TMO.
Risultato finale 27-10 che, anche in questo caso, non fa dormire sonni tranquilli agli italiani. I Leoni di Treviso scivolano in quarta posizione del girone B  con i Newport Dragons a pari punti (grazie alla vittoria sulle Zebre). La prossima partita sarà fuori casa contro l’Edinburgh, anche in questo caso il risultato a favore è fondamentale.

 

(Visited 64 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.