Il momento più importante dell’anno è arrivato. Quella sera da cui dipenderanno le tue gioie e le tue sofferenze per i prossimi mesi. Quelle scelte che incideranno sulla tua vita sociale, che saranno decisive per un tuo futuro di spensieratezza o di infinite ritorsioni sul tuo rapporto di coppia.

Perché le relazioni amorose, l’applicazione al lavoro e l’evoluzione delle serate con gli amici, dipendono esclusivamente da un unico fattore: il fantacalcio. È inutile negarlo.

Oltre l’amore c’è il calcio. E oltre il calcio, c’è il fantacalcio.

Modificatore di difesa, 4-3-3, finire i fantamilioni ai centrocampisti e stupire tutti con improbabili nomi di giocatori stranieri. L’adrenalina che scorre, il battito che aumenta, aspettare il proprio turno e cominciare l’asta per l’attaccante più atteso. Che poi… qual è il giocatore su cui investire tutti i propri risparmi?

Maledico i giorni di mare, lo schiacciasette, le gite in barca ed il giorno in cui sono andato in vacanza. Non ho studiato per il fantacalcio: ne pagherò le conseguenze per tutto l’anno.

Anche Enzo Paolo Turchi, l’anno scorso, aveva fatto affidamento su Mario Gomez per il fantacalcio

 

(Visited 212 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Paolo Serena

Paolo Serena, sociologo e giornalista, toscano doc e fiorentino mezzosangue, è un gran tifoso viola e un fan senza tempo di Riccardo Zampagna.
Ama gli spaghetti alle vongole, il caffellatte con le Gocciole e il sud-est asiatico; odia la Juve.
Diventa fan di Ultras da Tastiera