Questa settimana le nostre due franchigie non sono riuscite ad addolcire la pillola amara del risultato ottenuto dalla nazionale maggiore nel torneo delle 6 nazioni.
Iniziamo subito con il Benetton Treviso che contro il Connacth non riesce a ripetere la prova della scorsa partita nonostante la non perfetta prestazione degli avversari. Dopo un primo tempo a favore dei Leoni per 7-0 sia il Benetton che il Connacht riescono ad accendere la partita nella seconda metà arrivandola a chiudere con una minima differenza. Tre punti per un calcio di punizione, per un placcaggio pericoloso fatto da Iannone, regalano la vittoria agli irlandesi per 19-22.

Non eccezionale nemmeno lo scontro tra le Zebre e i Cardiff Blues a causa della morsa di freddo e vento che ha compromesso buona parte del gioco al piede. Tornati finalmente a giocare in casa, dopo un mese di assenza, Unica meta, bellissima tra l’altro, dei bianco nero è quella di Giambattista Venditti su intercetto con corsa di ben 70 metri. Il che riporta la partita in pareggio che, purtroppo dura poco. Evans con un calcio piazzato porta il punteggio a 7-10 che resterà invariato per tutto il resto della partita. Risultato che forse mette in ipoteca l’accesso alla prossima Champions Cup? Ancora troppo presto per saperlo.

Entrambe le squadre hanno ottenuto punti bonus difesa ma è un bottino un pò magro per gli affamati appetiti degli appassionati di rugby italiani.

Chiudiamo, poi, per la anticipata finale del Trofeo di Eccellenza. Disputata quest’anno tra San Donà e Fiamme Oro ha continuato a sottolineare il periodo “no” della squadra della Polizia di Stato. Il San Donà si è imposto per tutta la partita arrivando a chiuderla per 27-0!
Un risultato che, sinceramente, lascia a bocca aperta vista la prima parte del campionato, e trofeo, giocata dalle Fiamme Oro. L’accesso alla Continental Shield sembrava cosa fatta per Simone Favaro e soci mentre ora c’è da iniziare a preoccuparsi per il loro futuro.

(Visited 75 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.