Come commentare lo scorso fine settimana? Bella domanda, va detto. Possiamo provare citando la legge di Murphy, se qualcosa può andare male sicuramente lo farà. Il pensiero va agli atleti e addetti ai lavori che nei vari progetti rugbystici italiani ci mettono impegno, passione e tutta la professionalità di cui sono capaci ma i risultati, purtroppo, sono ben lungi dal farsi vedere.

Iniziamo con il dire che forse erroneamente sono state chiamate le vittorie nelle varie categorie del 6 Nazioni anche troppo facilmente, senza magari tenere in considerazione che la Scozia anche se in difficoltà in questo periodo è un avversario pur sempre ostico. Lo sa benissimo la nazionale Under20 che si vede soffiare una vittoria dagli avversari di pari categoria visto che gli Azzurrini non riescono, grazie anche all’alto numero di falli fatti, ad arginare la loro rimonta.

Lo sanno benissimo i ragazzi della nazionale maggiore che forse sfoggiano la loro, fino a ora, peggiore prestazione contro una Scozia più che affrontabile andando a cozzare anche troppe volte contro la sua difesa regalando tanti, troppi palloni agli avversari. Soprattutto il punteggio, che ha visto ancora una volta l’Italia a zero punti e in una partita in casa, fa veramente male al morale di tutto il movimento. Qua la galleria fotografica.

Non potranno saperlo, almeno per qualche tempo, le ragazze della  Italdonne che a causa dell’emergenza dovuto al pericolo di pandemia del coronavirus si sono viste annullare la partita prevista per la scorsa domenica. Bloccati tra l’altro anche tutti i campionati interni il che farà slittare le finali a giugno.

Se ci mettiamo sopra i risultati delle partite di Pro14, che come al solito hanno mostrato tanto cuore dei nostri ma scarsi risultati, c’è da mettersi le mani nei capelli.
Tante sono le domande che dobbiamo porci, senza cadere in facili polemiche. Perché, veramente, c’è da non sapere più cosa scrivere.

(Visited 41 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.