locandinaLa domanda è semplice: ma chi ve lo fa fare? Chi ve lo fa fare solo di programmare un’uscita dopo che vi siete ingozzati con gli antipasti dei cugini, le lasagne della zia, i tortellini in brodo della nonna, l’arrosto della mamma ed il dolce del nuovo ragazzo della sorella, all’esordio ufficiale davanti a trentadue parenti trepidanti?
La nostra risposta e soluzione è sempre la stessa: a casa! Godetevi un po’ il vostro divano, strizzando l’occhiolino alla Ferilli.
Ed ecco il nostro intenso programma, di una settimana che vi condurrà dritti dritti ad un gioioso Natale. E ricordate: nella letterina a Babbo Natale, chiedete delle belle pantofole! Le pantofole non vi abbandoneranno. Mai!

Lunedì 22 dicembre
Fantaghirò in vhs

Diciamocelo subito: un Romualdo non è per sempre. E se non avete mai visto Fantaghirò, beh… oltre a non aver capito l’ultima frase, non avete proprio capito niente della vita. Almeno fino ad ora. Potete sempre porre rimedio e rispolverare il vhs della nonna, che davano nell’inserto di Gente nel novembre ’93.
Lasciatevi cullare dalla magia di Tarabas.

Martedì 23 dicembre
Torneo di Pes con gli amici

Con l’arrivo dei prozii da Gioia Tauro e dei cugini di ventiduesimo grado da Molfetta, la vostra casa  improvvisamente vi sta stretta? Non riuscite a districarvi nei vostri 85 metri quadri di appartamento in ventisette persone? Dovete per forza uscire? Non demordete: convincete il vostro amichetto ad organizzare un bel torneo di Pes!
Unica controindicazione: imprecazioni divine e joystick che volano sotto il Santo Natale.

Mercoledì 24 dicembre
Una poltrona per due
Italia 1, h 21.10

Questa rubrica è nata con un unico intento: recensire il capolavoro con Eddie Murphy.
Intrighi dell’alta finanza e tematiche razziali si fondono in un kolossal che ha cambiato per sempre il palinsesto di Italia 1 degli ultimi venti anni.
Lacrime e nostalgia alla scena della coscia di pollo infilata nel vestito da Babbo Natale.

Giovedì 25 dicembre
Mercante in fiera in famiglia

La carta del Lattante porta sfiga, non vince mai. Non compratela!
Per il resto, agite come avete sempre fatto: raccogliete tutti gli spiccioli di tutti i vostri parenti per farvi il vostro bel gruzzoletto e giocare a spesa zero. Adducete la scusa che siete il più piccolo della famiglia e non avete ancora un lavoro stabile. Anche se la carta d’identità indica trentanove anni.

Auguri e… tanta, ma tanta fortuna al gioco!

(Visited 150 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Paolo Serena

Paolo Serena, sociologo e giornalista, toscano doc e fiorentino mezzosangue, è un gran tifoso viola e un fan senza tempo di Riccardo Zampagna.
Ama gli spaghetti alle vongole, il caffellatte con le Gocciole e il sud-est asiatico; odia la Juve.
Diventa fan di Ultras da Tastiera