L’estate, per molti, è sinonimo di mare. La spiaggia, i bagni, il pesce. Questo è quello che in molti sognano tutto l’anno. Ma ormai gli anni ‘60 per moltissimi sono finiti e solo in pochi si possono permettere tre mesi di mare, sia per motivi economici, sia per i ritmi di lavoro.

In città, l’unica cosa che può alleviare l’attesa delle agognate vacanze al mare, è cucinare del pesce.

Certo il pesce che troviamo in città non ha lo stesso sapore di quello che mangiamo al mare, ma non per questo dobbiamo rinunciare a cucinarlo.

Vi propongo una semplice ricetta, ma con un accostamento particolare.

Verdesca alla crema di ceci:

Verdesca 700g
Ceci cotti 400g
Acciughe 4 filetti sott’olio
Capperi 20g sottaceti
Aglio 2 spicchi
Sale pepe olio EVO  q.b.
Limone una scorza

La prima cosa da fare è la crema di ceci; per comodità ho usato dei ceci precotti: frullateli e aggiustateli di sale e pepe.

Procedete prendendo una padella, metteteci un filo di olio evo e 2 spicchi d’aglio. Una volta rosolati, toglieteli. Nel frattempo prendete i capperi e le acciughe, tritateli e metteteli nella padella insieme ad una scorza di limone. Fate cuocere per due minuti. Aggiungete la verdesca e fatela cuocere rigirandola. Basteranno pochi minuti.

Andiamo a comporre il piatto: sul fondo mettete due cucchiai di crema di ceci e sopra la verdesca, un filo d’olio evo e servite accompagnata con dei fagiolini lessi.

Il connubio tra i ceci e la verdesca, cotta con i capperi e le acciughe, ci regala un sapore intenso, ma ingentilito dalla crema di ceci.

Vi consiglio di abbinare al piatto un Pinot grigio toscano, dai profumi delicati, ma di sapore intenso e persistente.

Verdesca in crema di ceci

Verdesca in crema di ceci

(Visited 580 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.