Foto redazione TuttaFirenze

Foto redazione TuttaFirenze

“L’Epifania tutte le feste le porta via” … È vero, ma per arrivare all’Epifania mancano ancora 17 giorni e la fase natalizia è appena iniziata. Oltre alla ricerca di regali per parenti, amici, colleghi di lavoro ecc, dobbiamo anche affrontare pranzi luculliani, con i parenti per Natale, e con gli amici per l’ultimo dell’anno.

Le due settimane che precedono il Natale sono normalmente dense di incontri conviviali in forma di aperitivi, cene, piccole feste, sia nei luoghi di lavoro che a scuola, spesso organizzate dai genitori di classe, dai colleghi di lavoro, dagli amici di sempre, ai quali è difficile dire di no.

Tante le chiacchiere da sopportare, che mettono a dura prova la diplomazia, e tantissimo il cibo, altrettanto pericoloso per la dieta. Tutto questo con la scusa degli auguri per il Natale. Qualche volta, però, ne faremmo volentieri a meno.

Se anche voi siete potenziali vittime di questi inviti, ecco qualche giustificazione, quasi convincente.

Per gli aperitivi, i più semplici da evitare perché sono in un orario facile da gestire:

Visite mediche di tutti i tipi, quella del dentista è sempre vincente
Impegni sportivi dei figli
Straordinari inderogabili sul posto di lavoro
All’ultimo minuto ti hanno chiamato i tuoi genitori, vengono a cena da te

Per le cene, invece, è più complicato:

Problemi con i genitori o i nonni a cena, vanno sempre bene
La finale del torneo di calcetto o prove sportive varie dei tuoi figli
Il concerto gospel di beneficenza o simili

Per le feste in ufficio è altrettanto complicato. Bisognerebbe prendere un giorno di ferie (quello della festa) per evitarle:

Colloqui con gli insegnanti a scuola
Saggi di danza o di musica, di figli e nipoti
Attacco improvviso di mal di denti, appuntamento col dentista
Lo zio arriva col treno, devi andare a prenderlo alla stazione

Le più difficili da evitare sono le feste degli auguri a scuola, spesso accompagnate da “imperdibili” recite natalizie, con genitori e insegnanti. Anche perché i primi a voler partecipare sono proprio i tuoi figli:

Mandate i nonni o gli zii al vostro posto
Festa in ufficio con la presenza del capo e non potete proprio mancare
Riunione di condominio
Visita medica inderogabile

Alla fine il mio consiglio è di partecipare a queste feste che, chiacchiere a parte, possono farci assaporare piatti che non conosciamo e scoprire aspetti particolari delle persone che ci circondano.

Tutto ciò non vale se l’invito parte dalla redazione di TuttaFirenze, la nostra redazione.

Buon Natale 2015 a tutti voi!

riunione
(Visited 214 time, 4 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.