È stata emozione allo stato puro: le immagini, i suoni, i colori. Sdraiati sul pavimento di quella vecchia chiesa con il naso all’insù. Appoggiati l’uno all’altro. A bocca aperta. Immersi, letteralmente, nei suoi dipinti.

“Siamo a casa di Vincent, vero mamma?”.

“In effet…”.

“No, questa è una mostra”.

“Uffi, ma io lo avevo chiesto a mammaaaa”.

“Questa era una chiesa ma in effetti, tutta piena così dei suoi quadri… Casa di Van Ghog (http://www.vangoghalive.it/) doveva essere un po’ così: piena piena piena dei suoi quadri”.

Quel Vincent che dipingeva perché ne aveva bisogno, che dipingeva senza preoccuparsi del giudizio altrui. Quel Vincent innamorato di suo fratello Theo. Quel Vincent che ha completamente rapito i miei bimbi.

“Mamma, guarda i mulini a vento!!!!”.

“La luna, guarda!!”.

“E tutt’i granooooo”.

E io non credo che una mostra tradizionale avrebbe avuto lo stesso effetto. Innamorati, tutti e cinque, delle fragilità e delle profondità di quest’uomo. E mentre torniamo verso la stazione, sotto la pioggia di sabato mattina, con due ombrelli in cinque, mi fermo in libreria.

“Sto cercando un fumetto per ragazzi. Si intitola “Vincent”, ma non ricordo l’autore”. Un fumetto sulla storia di Van Ghog: sulla sua vita, le fragilità, la malattia. Il suo bisogno di dipingere. Lo avevo letto qualche mese fa pensando che sarebbe stato troppo per loro tre. E invece… E invece poi ho cambiato idea. Ed è diventato il nostro libro della Buonanotte. Pagina dopo pagina, sera dopo sera. Vincent!

IMG_0471

La foto è di Leonardo Calistri

(Visited 92 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.

TESTTTTTTTTT

Vacanze!

TESTTTTTTTTTT

Se fosse