L’11 Novembre si festeggia San Martino. Il proverbio recita “l’estate di San Martino dura tre giorni e un pochinino”, invece quest’anno ci ha portato la pioggia e un po di freddo.
Tempo a parte, il mese di novembre ha portato sulle nostre tavole il vino novello e l’olio nuovo, e con essi  una serie di eventi legati alla loro uscita.

Il vino novello, come lo conosciamo noi, viene disciplinato in Italia dal 1989, e  viaggiando per l’Italia troviamo una notevole varietà di novelli,  fatti con vitigni diversi.
Ma ciò che li accomuna sono soprattutto i profumi di frutta rossa come le more, il ribes i lamponi, presenti in quasi tutte le bottiglie, anche se differenti per tannicità, intensità di colore, morbidezza, sapidità e gradazione.

In Toscana, non abbiamo una grande tradizione di vino novello. Il primo “vino”, che veniva bevuto da noi, era “l’acquerello” e mi sembra interessante ricordare come veniva prodotto.
L’acquerello, si otteneva facendo fermentare per alcuni giorni le vinacce, a cui veniva aggiunta dell’acqua . Il risultato, era una bevanda con i sentori e i profumi del novello attuale, ma con una gradazione alcolica decisamente più bassa che si attestava su 5/6 gradi.
Chiaramente,  per il suo basso grado alcolico, non era una bevanda commercializzabile, veniva consumato perlopiù in famiglia abbinandolo ai prodotti tipici del periodo come le caldarroste, la polenta di castagne ecc.

Il novello, negli ultimi anni, è andato in disuso. Sempre meno eventi ne hanno sottolineato la sua uscita e sugli scaffali dei negozi viene esposto per un periodo di tempo molto limitato.
Diciamolo pure, è passato di moda!

Io invece, contrariamente alle mode, vi invito a consumarlo. Non  stiamo parlando di un  vino di serie  “b” come alcuni sostengono, ma di un vino “pronto” a tutti gli effetti e le sue caratteristiche si sposano bene con i prodotti tipici della stagione, come le castagne, i funghi, la frutta secca e tutto ciò che la fantasia vi propone.

Provatelo …. poi mi saprete dire!

Da porta san Niccolo

Da porta san Niccolo quello che si vede attrverso il vino

 

(Visited 1.834 time, 9 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.