Ci sono tante storie nascoste dietro un trillo. Un trillo? Si, un trillo tradizionale di un telefono tradizionale come quelli che si possono trovare nelle centrali operative delle Polizie, dei Vigili del Fuoco, del 118. E quando è notte quel trillo è più nervoso e la storia che c’è dietro è sicuramente più misteriosa.

C’è chi chiede: “Scusi visto che dei fantasmi al piano di sopra stanno facendo rumore le chiedo se potete intervenire voi o la competenza è dell’ASL?”
E anche chi dice: “Qualcuno mi ha buttato una mela nel mio giardino, per scoprire chi è stato mi potete dare il numero di telefono dei Ris di Parma o li chiamate voi direttamente?”

Ovviamente ci sono emergenze reali e c’è anche chi semplicemente ha forse solo voglia di parlare con qualcuno.
Driin!!! “Guarda, guarda lassù in cielo c’è una luce strana che si muove in continuazione. La vedi? Dai, non la puoi non vedere. Lassù in cielo sta succedendo una cosa strana. C’è una piccola luce che si muove in continuazione senza sosta. A momenti lentamente, in altri velocissima che sembra la pallina di un flipper. Quella luce potrebbe cadere e incendiare l’intera città. Quella luce è, io lo so che è così, un piccolo extraterrestre che si è perso e che sta cercando disperatamente la sua astronave per ritornare a casa. Sì, deve essere per forza così”.
“Ma scusi lei lo sa che ha chiamato i Vigili del Fuoco?”
“Sì.”
“Bene, arriviamo.”
“Ma se non ti ho detto dove.”
“Già dove?”
“In piazza Dalmazia. Sono seduto sopra una panchina. Vi aspetto. Se nel frattempo mi sono addormentato, svegliatemi.”

photo
(Visited 301 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Giovanni Grossi

Ho cinquantanni e per il mio lavoro ho la fortuna di girare per Firenze in bicicletta e quando scendo dalla bici vado a piedi e quando sono stanco salgo sull’autobus. Il mio primo amore è la scrittura ed il mio primo amore dura tuttora. Sono tra i fondatori dell’associazione Tandem di pace e sono nella giuria del premio letterario fogli di viaggio dedicato alla figura di Tiziano Terzani. Adoro i miei figli e mangiare un panino con l’hamburger la domenica sotto la curva Fiesole. Dimenticavo….il mio primo odio è la juve ed anche questo dura tuttora.