Una pioggia di mete a Bloemfontein, in Sud Africa, ha caratterizzato la prima partita casalinga per i Cheetas nel torneo Pro14. La linea di meta è stata superata ben 13 volte e il match contro le Zebre è risultato essere una vera e propria battaglia. Partita che vede vincenti i padroni di casa per 54-39 mentre gli italiani bianco neri si vedono assegnare il primo punto della stagione, come bonus offensivo per aver segnato almeno quattro mete.

Va segnalato il periodo particolarmente ispirato di Carlo Canna, che sta migliorando la sua percentuale al calcio, il che permette un inizio partita al fulmicotone per i bianco neri. Inizia poi la battaglia visto che i Sud Africani sono del mestiere, un continuo inseguirsi nel punteggio e due cartellini gialli dati alle Zebre sono ghiotta occasione per i Cheetas per assicurarsi la partita. 
Non mi sento di bocciare il gioco delle Zebre, cinque mete segnate fuori casa dimostrano che il lavoro fatto dalla franchigia federale sta iniziando a dare i suoi frutti. Maggiore disciplina in campo è il passaggio successivo.

Vittoria invece per il Benetton Treviso in Scozia, contro l’Edinburgh Rugby. I Leoni di Treviso si rendono protagonisti di un’altra bellissima rimonta partendo da 14-0 ed arrivando a conquistare il suolo scozzese per 20-17!
Rimonta da considerare eccezionale visto che i bianco verdi si sono trovati a giocare addirittura in 13 contro i 15 dell’Edinbugh.
Esposito ispira la squadra e segna per due volte, i calci piazzati e le punizioni segnate da McKinley saldano il risultato.
Poco cambia purtroppo per il Treviso in classifica, il bonus difensivo ottenuto dagli scozzesi aumenta la distanza alla quarta posizione per gli italiani che si vedono invece minacciare dalle retrovie dai Dragons, vittoriosi contro il Connacht,

(Visited 106 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.