In concomitanza con la Festa della donna, nell complesso della Biblioteca Medicea Laurenziana il 9 marzo si apre Voci di donne, una mostra inconsueta rispetto alla tradizionale programmazione dell’opera medica laurenziana aperta fino al prossimo 29 giugno.

La nuova mostra, oltre ad esporre libri e manoscritti di tutte le epoche, ha come denominatore comune l’universo femminile, in tutte le sue sfaccettature: donne autrici di poesie, trattati, di memorie, diari, lettere (pubbliche e private):  testi commissionati o posseduti… sempre da donne. L’arco temporale dei pezzi presenti in mostra è estremamente esteso e va dal VII secolo a.C. ai primi decenni del XX secolo. Fra le molte donne italiane e straniere coinvolte in questa mostra, ve ne sono alcune “famose”, in quanto hanno spesso ricoperto importanti ruoli pubblici, e altre meno note, fra le quali alcune monache che lavorarono come copiste nei conventi fiorentini.

La mostra si chiude con tre splendidi codici, proprietà di una donna, che ne fece dono alla Biblioteca. In totale sono sessantasei i testi esposti, ammirabili in un percorso espositivo suddiviso in sei aree tematiche.
La visita della mostra è un’occasione per ammirare gli splendidi ambienti della Biblioteca, come il Vestibolo, dominato dalla maestosa scalinata, e la Sala di lettura, entrambi realizzati su disegno di Michelangelo.

(Visited 152 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.

TESTTTTTTTTTT

Con dolce forza