Fonte foto: www.wechianti.com

Michelangelo a 15 anni non chattava su WhatsApp, non postava su Facebook e non giocava alla Play Station… erano decisamente altri tempi e l’adolescente Buonarroti si dilettava a progettare e disegnare capolavori. O almeno questo è il parere dello statunitense Robert Schoen, uno dei massimi esperti internazionali in materia, che ha decretato la paternità michelangiolesca dell’affresco presente nella chiesa di Santa Maria a Marcialla, nel Comune di Barberino Val d’Elsa.

Pare infatti che in quegli anni (tra il 1490 e il 1495) il giovane artista fosse ospite dei frati agostiniani, che risiedevano nel luogo dove oggi è situata la suddetta chiesa, e che per contraccambiare l’ospitalità avesse realizzato per loro, in segno di riconoscenza, il disegno e il progetto di una Pietà. Dunque, secondo Schoen, su questo presunto bozzetto di Michelangelo Sebastiano Mainardi, artista alla bottega del Ghirlandaio, realizzò l’affresco conservato nella chiesa di Marcialla.

La tradizione popolare e gli studi di memoria locale sono stati quindi suggellati dall’illustre parere dello studioso americano, che così commenta: “La tradizione popolare legata alla convinzione della comunità di Marcialla di ospitare in casa propria un Michelangelo è assolutamente corretta. In questo affresco c’è l’anima di Michelangelo, la purezza di un giovane e talentuoso artista che stava affiorando nel quindicesimo secolo, la cui presenza è leggibile in tanti elementi compositivi del dipinto, soprattutto nella ricerca e nell’attenzione alla realizzazione delle parti anatomiche delle figure che costituiscono l’opera. In particolare nella sezione di destra dove è presente uno dei due ladroni che si distingue dal resto della composizione proprio per la resa anatomica”.

Un adolescente fuori dal comune il Buonarroti… anche per quei tempi!

(Visited 158 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Beatrice Guarneri

Fiorentina da sempre, amante dell’arte da sempre. Coniuga queste due peculiarità recensendo mostre per TuttaFirenze. Altrimenti potrete incontrarla per le vigne del Chianti in sella al suo fido destriero Sel o sorprenderla mentre coccola la sua tonda miciona Zazie